IL NOSTRO GIAPPONE

Dal 16 al 24 Febbraio 2018

Tokyo > Takayama > Shirakawago > Kanazawa > Kyoto > Nara > Osaka

Giappone: una cultura millenaria dai colori vibranti e costumi radicati. Un viaggio alla scoperta del Paese del Sol Levante famoso per il sushi, il sumo e il sake. Ma anche per i suoi paesaggi da cartolina, tra le città che non dormono mai e un affascinante contrasto fra tradizione e modernità.

PROGRAMMA

16 FEB Giorno 1: Italia / Tokyo
Partenza con volo di linea da Milano per Tokyo via Bangkok. Pernottamento a bordo.

17 FEB Giorno 2: Tokyo
(solo pernottamento)
Arrivo a Tokyo e trasferimento autonomo in hotel.
Ci recheremo insieme all’ufficio del Japan Rail Pass per poter attivare lo stesso e prenotare le tratte necessarie agli spostamenti dei giorni successivi. Acquisteremo sempre nello stesso ufficio il biglietto del Narita Express necessario per poter arrivare in hotel, e l’ultimo tratto dalla stazione all’hotel lo percorreremo in taxi.

Dopo la registrazione pranzeremo nei dintorni dell’hotel e con l’ausilio della metropolitana andremo a vedere la parte più “storica” della città: il quartiere di Asakusa con al centro il famosissimo tempio di Senso-ji. Sarà un modo magico e prepotente di entrare subito nel vivo della cultura e delle usanze giapponesi percependone la profondità e la leggerezza che convivono in ogni dettaglio dei loro rituali.
Al termine della visita approfitteremo delle luci della sera per tuffarci nel vivacissimo quartiere di Shibuya dove potremmo mangiare scegliendo fra i numerosi piccoli ristoranti che permettono di consumare a prezzi ottimi la tipica zuppa di Ramen oppure la carne di Kobe.
Rientro in hotel e pernottamento.

Tokyo è indubbiamente la metropoli più affascinante dell’Asia. Qui le tradizioni dei secoli passati coesistono con gli elementi in continua evoluzione della cultura urbana più moderna, ed entrambi sono l’espressione di una vitalità e di un’energia molto particolari. Di seguito una lista dei quartieri più importanti, con qualche dettaglio.
Nella zona ovest di Tokyo si trova il quartiere di Marunouchi, il più esteso distretto d’affari del Giappone. Qui, i vecchi edifici sono stati sostituiti dai nuovi, attraenti complessi di uffici, negozi e ristoranti, che richiamano numerosi visitatori.
A circa dieci minuti di cammino si raggiunge il quartiere Ginza, famoso in tutto il mondo per l’eleganza dei negozi e lo sfavillio delle insegne multicolori.
Lasciandovi alle spalle la confusione di Ginza e di Yurakucho, dirigetevi verso l’ampio quartiere di Ueno dove vi attende il parco omonimo, il più grande della capitale. Il parco, che ospita numerosi musei di vario tipo, forma un grande centro artistico e culturale.
Akihabara, il distretto dell’elettronica più grande e famoso nel mondo, è stato soprannominato ‘la Mecca degli Otaku’, o anche detti fan dei cartoni animati e dei video giochi. Vi sono molti negozi di manga, costumi e figure di cartoni animati.
Se volete fare un tuffo nella Tokyo di una volta, non c’è nulla di meglio del quartiere di Asakusa. Le sue numerose stradine sono fiancheggiate da vecchie case e botteghe che vendono articoli tradizionali, dai kimono ai pettini fabbricati a mano. Il Tempio Kannon di Asakusa, attorno al quale si concentrano i negozietti e le bancarelle, è il luogo ideale per fare incetta di souvenir.
A Shinjuku, nella parte occidentale e più moderna della città, i bar e i locali notturni si affiancano ai grandi magazzini e ai negozi in cui vi sarà proposto uno shopping raffinato e sofisticato.
In questa zona così frenetica, il Parco Nazionale di Shinjuku Gyoen vi sembrerà un’oasi di pace. Nel quartiere di Hatsudai, a pochi passi, troverete il complesso della Tokyo Opera City, un teatro d’opera di altissimo livello.
Shibuya, vicino al tranquillo Santuario Meiji e a Harajuku e Aoyama, i quartieri più alla moda della città, è il luogo ideale per chi desidera fare acquisti e svagarsi allo stesso tempo. Molto frequentato, in particolare dai giovani più “in” della capitale, Shibuya è il centro da cui passano tutte le innovazioni della città e dove nasce e si diffonde continuamente la “cultura giovanile”. È il centro della moda e dell’arte internazionale, che di questo luogo hanno fatto la loro vetrina. Sedersi sulla terrazza di un bar e sorseggiare una bevanda osservando il viavai dei passanti sarà un piacere a cui non potrete resistere.
Il quartiere di Roppongi, conosciuto presso i visitatori da tutto il mondo per i locali notturni, si sta rapidamente sviluppando anche come centro culturale ed artistico, con la Tokyo Middletown, il National Art Center Tokyo and Roppongi Hills.
Odaiba, costruita su una zona bonificata del porto di Tokyo, presenta un grande centro commerciale e l’Ooedo-Onsen Monogatari, entusiasmante parco dei divertimenti con sorgenti termali.

18 FEB Giorno 3: Tokyo
(solo pernottamento)
Dopo la colazione potrete scegliere se visitare liberamente alcuni dei quartieri più pittoreschi di Tokyo o se unirvi a noi nell’escursione alla scoperta di Nikko utilizzando il Japan Rail pass. All’interno del sito è presente un piccolo ristorante dove poter consumare il pranzo. Rientro a Tokyo nel pomeriggio e tempo libero per poter visitare in autonomia il vari distretti a seconda dei propri interessi, notevole l’impatto di alcune aree come Harakuju dove per esempio le ragazze indossano tutti costumi ispirati alle serie Manga più note, o il quartiere di Shinjuku o Ginza dove lo shopping la fa da padrone diviso fra prodotti tipici e grandi marche.

Nikko:
Nikko, a due ore di treno da Tokyo, è sia una meraviglia di bellezze naturali, sia il luogo di insuperabili capolavori architettonici del Giappone.
Fa parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dal 1999. Il Santuario di Toshogu, completato nel 1636 e dedicato al fondatore dello shogunato dei Tokugawa, è il punto focale della città. La maggior parte degli edifici dei santuari, così come molti loro elementi, sono stati classificati Tesori nazionali o Importante patrimonio culturale.
Il ponte di Shinkyo o “Ponte Sacro” si eleva con grazia sopra il fiume Daiya-gawa. Il Lago di Chuzenji-ko brilla soprattutto all’inizio di maggio, quando i fiori di ciliegio schiudono i propri colori, e a ottobre, quando le foglie indossano l’abito autunnale. A 5 minuti a piedi dalla fermata dell’autobus Chuzenji Onsen si trova la Cascata di Kegon-no-taki, una delle più famose del Giappone. È possibile avvicinarsi alla cascata con un ascensore. Altri 15 minuti di passeggiata e sarà possibile raggiungere il Tempio di Chuzen-ji che ospita la famosa statua della Dea dalle mille braccia.

19 FEB Giorno 4: Tokyo /Takayama
(solo pernottamento)
Consegna del bagaglio al ricevimento dell’hotel e partenza con il solo piccolo bagaglio a mano. Trasferimento dopo colazione presso la stazione di Tokyo pass e treno per Takayama via Nagoya utilizzando il Japan rail pass. All’arrivo andremo a piedi ad effettuare la registrazione in hotel e dedicheremo il resto della giornata alla scoperta del bellissimo quartiere tradizionale dove potremo incontrare il vero e più autentico Giappone di Montagna fra gli abitanti vestiti in abiti tradizionali e piccoli negozi di artigianato dalle caratteristiche architetture in legno. Pranzo veloce in corso di visita e per la cena proporremo il barbecue giapponese presso il ristorante Kyoya.

Situato nel nord della provincia di Gifu, Takayama è un antico borgo feudale noto per le sue vecchie case di legno, allineate e uniformi in altezza, che conferiscono alle strade un aspetto di ordine e bellezza. La città è nota anche per il festival che si tiene ogni anno in primavera e in autunno. Il festival risale al XVI secolo ed è uno dei tre festival più grandi e belli del Giappone. Durante il festival, la città è attraversata da grandi carri fiammeggianti, i quali offrono
agli spettatori un’ammirevole sintesi della bellezza dell’artigianato della regione. Ospita un numero elevatissimo di piccoli musei dedicati alle arti tradizionali, a testimonianza della ricchissima tradizione cittadina.

20 FEB Giorno 5: Takayama / Shirakawago / Kanazawa
(solo pernottamento)
Trasferimento dopo colazione alla stazione degli autobus e pullman di linea per Shirakawago.
Shirakawa-go e la vicina regione di Gokayama si trovano nella valle del fiume Shogawa nelle remote montagne che abbracciano le prefetture di Gifu e Toyama. Dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1995, è famosa per i tradizionali casali gassho-zukuri, alcuni dei quali hanno più di 250 anni.
Il motivo principale dei tetti spioventi e la struttura massiccia delle case coloniche di Shirakawago è la grande quantità di neve che cade ogni inverno. Il villaggio Ogimachi viene in genere coperto da 1-2 metri di neve durante il picco della stagione bianca. Mentre alla gente del posto causa un po’ di disagio, la neve trasforma Shirakawago in un paesaggio invernale idilliaco. Per renderlo ancora migliore, il paese organizza eventi di illuminazione speciali durante
alcuni Sabato e Domenica sera in gennaio e febbraio che attirano molti turisti.
Depositeremo il bagaglio a mano presso i comodi armadietti situati alla stazione degli autobus e dedicheremo la parte centrale della giornata alla visita del sito unesco unico e carico di poesia. Pranzo in una trattoria locale in corso di visita e proseguimento con bus locale per Kanazawa. All’arrivo a Kanazawa useremo i pullman locali per trasferirci in hotel. Dedicheremo il resto della giornata alla visita del quartiere tradizionale abitato originariamente dalle Geishe e alla scoperta di uno dei parchi più belli del Giappone intero: il Kenrokuen. Per la cena proporremo una tipica cena in un locale Teppanyaki dove le pietanze verranno cucinate davanti a noi e potremmo goderne di ogni fase.

Un viaggio a Kanazawa, è come tuffarsi per magia nel Giappone del periodo feudale. Le strade su cui si affacciano le case signorili, gli antichi quartieri del piacere, il castello e il magnifico giardino Kenrokuen, giardino giapponese risalente al XVII secolo, ne fanno una delle mete più affascinanti. Kanazawa è anche un vero e proprio scrigno dell’artigianato artistico: ci sono i kimono di seta Kaga-Yuzen, le ceramiche di Kutani e Ohi, le lacche Wajima trattate
sia in foglia che in polvere d’oro, eccetera. Alla grande raffinatezza di questa città contribuiscono anche spettacoli assai prestigiosi di teatro Nō, come pure la famosa cucina tradizionale. La cerimonia del tè e le composizioni floreali sono forme d’arte tuttora molto diffuse tra gli abitanti della città.

21 FEB Giorno 6: Kanazawa / Kyoto
(solo pernottamento)
Sveglia molto presto per poter visitare il mercato del pesce che in questa città è una delle attrazioni imperdibili. Consumeremo al mercato la colazione e rientreremo in hotel dopo aver fatto una breve passeggiata nel quartiere dei Samurai.
Trasferimento alla stazione e treno per Kyoto utilizzando il Japan rail pass.
All’arrivo trasferimento in hotel.

Kyoto è stata la capitale del Giappone per più di mille anni e in quel periodo ha dato luogo alle massime espressioni dell’arte, della cultura, della religione e delle idee. In treno super-veloce Shinkansen arriverete da Tokyo a Kyoto in 2 ore e 40 minuti; la città si trova a 1 ora e 15 minuti dall’Aeroporto Internazionale di Kansai, vicino a Osaka.
Nel centro di Kyoto troverete il Palazzo imperiale, famoso perché rappresenta la quintessenza della semplicità architettonica. Vicino al palazzo si erge il Castello Nijo, caratterizzato da un’architettura più elaborata, dimora dello Shogun Tokugawa Ieyasu in occasione delle sue rare visite alla città.
Gion Corner, nelle vicinanze di Shijo-Kawaramachi, è il luogo ideale per scoprire il teatro e le arti tradizionali giapponesi. I ristoranti in stile antico, abbelliti da squisite decorazioni, sottolineano l’atmosfera raffinata che l’intero quartiere emana. All’interno del settore di Higashiyama, il Tempio Sanjusangendo si distingue per le sue 1001 statue in legno dorato di Kannon, la dea della misericordia. Il Tempio Kiyomizu è famoso per la sua struttura sostenuta da palafitte di legno; esso domina una splendida valle e offre una vista magnifica della città. Il Tempio Ginkakuji, il Padiglione d’argento, deve la sua fama alla sua incantevole architettura e ai giardini paesaggistici minimalisti.
La villa imperiale di Katsura, situata nei quartieri occidentali di Kyoto, è considerata uno dei gioielli più preziosi dell’architettura e del giardino paesaggistico tradizionale giapponese. La villa imperiale di Shugakuin è stata costruita nel XVII secolo dallo shogunato dei Tokugawa come luogo di ritiro per l’Imperatore Go-Mizuno. Per visitare questi due luoghi è necessario ottenere un permesso presso l’Agenzia della Casa imperiale. Presentate domanda con il maggior anticipo possibile.

Consigliamo un giro al mercato di Nishiki, chiamato la ‘cucina di Kyoto’. Pesce, frutta, verdura, dolci di ogni genere affollano questa stretta viuzza coperta, sempre affollatissima. Il mercato coperto di Nishiki ha una storia locale ed è frequentato in massima parte da cittadini di Kyoto. Curiosate fra i negozi e assaggiate qualche specialità locale da asporto per gustarvi la passeggiata fino in fondo. Una bella pausa fra un tempio e l’altro.
Ai turisti – non tanti – è richiesta buona educazione: non fotografare se cartelli avvertono di non farlo e soprattutto non toccare il cibo se non si ha intenzione di acquistarlo. E’ a due passi dalla fermata della metro di Shijo (Karasuma line).

22 Giorno 07: Kyoto
(solo pernottamento)
Dedicheremo questi due giorni alla scoperta dei numerosi templi di Kyoto iniziando dalla Pagoda d’oro e proseguendo per andare a visitare il famosissimo Inari Fuji conosciuto per il meraviglioso viale di Tori rossi che guidano la salita alla sommità della collina, disseminata di padiglioni votivi e di simboli di fede shintoista.
Ceneremo nei sotterranei della stazione di Kyoto in cui vi è un vero e proprio quartiere dedicato a tutte le specialità alimentari compresa una pasticceria francese e numerosi ristoranti delle cucine delle varie parti del mondo e del Giappone stesso.

23 FEB Giorno 08: Nara/Kyoto
Dopo colazione prenderemo il treno locale per Nara da cui rientreremo nel pomeriggio.

Nara:
Nara, 42 km a sud di Kyoto, antica capitale del Giappone, è ricordata anche come culla dell’arte, della letteratura e della cultura giapponese.
I principali luoghi di attrazione si trovano nella zona della stazione ferroviaria. Il Parco di Nara è conosciuto meglio con il nome di “Parco dei cervi”, poiché cervi maschi e femmine convivono e si divertono insieme in tutta libertà. A ovest incontriamo il Tempio di Kofukuji, edificato nel 710. Un gran numero di statue buddiste di grande valore sono esposte nella “Casa del Tesoro Nazionale”, e il muro di cinta del tempio racchiude in sé una pagoda a cinque piani che si riflette nelle acque del lago Sarusawa. Il Museo Nazionale di Nara conserva un importante collezione di arte buddista con opere caratteristiche di ciascun periodo storico. Ma è forse il Tempio di Todaiji, che ospita il Grande Budda di Nara, il più celebre tra i monumenti antichi della città. Il Daibutsu-den, in cui è contenuta
la statua di bronzo, è la costruzione in legno più grande del mondo. Un altro sito molto visitato è il Grande Santuario Kasuga, costruito nel 768 e uno dei più famosi santuari shintoisti del Giappone. Gli edifici laccati di rosso vermiglio regalano un contrasto sorprendente e ricco di bellezza con la vegetazione circostante. 1800 lanterne in pietra illuminano la cinta muraria del santuario e un migliaio di lanterne in metallo sono appese sui cornicioni dei suoi corridoi.
Il Tempio di Horyuji, a 45 minuti dalla stazione ferroviaria di Nara, oltre a colpire per la sua straordinaria bellezza è anche uno dei luoghi di culto più importanti di tutto il Giappone. Tra tutte le costruzioni, il tempio, rimasto intatto, è il più antico del Paese, e risale al 607. È costituito da una quarantina di edifici e si dice essere la più antica struttura in legno esistente al mondo.

Nishinokyo, a ovest di Nara, accoglie numerosi templi dell’VIII secolo di grande valenza artistica, architettonica e storica. A pochi chilometri, Asuka vi propone un viaggio indietro nel tempo fino alle origini della storia del Giappone. I dintorni di Nara invitano a belle passeggiate con la promessa di scoperte sorprendenti.
Il resto della giornata sarà dedicato alla passeggiata del filosofo e all’esplorazione serale del quartiere delle Geishe di Gion, vera e propria cartolina del Giappone del nostro immaginario e perla conclusiva della nostra visita di questa magnifica città.

24 FEB Giorno 09: Kyoto / Osaka / Italia
(solo pernottamento)
Trasferimento in aeroporto ad Osaka utilizzando il Japan rail pass. Volo di rientro.

OPERATIVI DI VOLO

AF1127   16 FEB   VCECDG    0955  1145
AF 276   16 FEB   CDGNRT   1335  0925+1
AF 291   24 FEB   KIXCDG    1030  1615
AF1526  24 FEB   CDGVCE   1805  1940

oppure

AF1205   16 FEB    FCOCDG    1020  1235
AF 276    16 FEB    CDGNRT   1335  0925+1
AF 291    24 FEB   KIXCDG     1030  1615
AF1004  24 FEB   CDGFCO     2110  2315

Quota per persona a partire da € 2.600,00

La quota include:
Volo intercontinentale;
Tasse aeroportuali;
Japan Rail Pass;
Hotels di categoria standard;
Bus per Shirakawago;
Assicurazione base medico-bagaglio;
Accompagnatore viaggi di Monika dall’italia, visite come sopra descritto.

La quota non include:
Assicurazione annullamento;
Pasti e bevande ai pasti;
Quanto non specificato sopra.

QUOTE SOGGETTE A RICONFERMA DISPONIBILITA’ E A RIVALUTAZIONE SULLA BASE DELLA QUOTAZIONE DOLLARO/YEN.

TUTTI I NOSTRI VIAGGI